Personalizza il sito Carattere nero su sfondo bianco Carattere bianco su sfondo blu Carattere bianco su sfondo rosso mattoneo Carattere bianco su sfondo nero Carattere bianco su sfondo viola Carattere normale Carattere medio Carattere grande Carattere molto grande
Compendio Garibaldino di Caprera




Garibaldi e l'isola

Tramonto a Caprera
Tramonto a Caprera
Giuseppe Garibaldi era un uomo semplice; nella quotidianità viveva con grande sobrietà e sapeva apprezzare le piccole cose dalle quali traeva piacevolezze non comuni come zappare la terra e seminare l'orto; vestiva con gusto personale ed era aperto alla scienza, al mondo e al diverso.
Quando Giuseppe Garibaldi giunse a Caprera questo posto solitario parve ideale al suo animo, in particolarmente turbato dalle vicissitudini della vita, tanto da predisporlo all'acquisto di una parte dell'isola per fissarvi dimora. Per un uomo d'azione come lui, la solitudine non poteva essere riposo, ma stimolo per una coltivazione dell'arido terreno del luogo.
L'impegno di Garibaldi fu diretto alla conquista, alla trasformazione e alla creazione di una produttività mai sperimentata prima nell'isola.
Nell'operare a Caprera egli studiò attentamente libri specifici per razionalizzare l'agricoltura della sua fattoria. Com'era risoluto nei campi di battaglia, così fu ardito nel piegare una natura che era sempre stata espressione esclusiva di una vegetazione tipica dell'ambiente
Con l'entusiasmo di vero agronomo conquistatore, egli apportò dei mutamenti che fecero della dimora di Caprera un sito veramente esemplare.