Personalizza il sito Carattere nero su sfondo bianco Carattere bianco su sfondo blu Carattere bianco su sfondo rosso mattoneo Carattere bianco su sfondo nero Carattere bianco su sfondo viola Carattere normale Carattere medio Carattere grande Carattere molto grande
Compendio Garibaldino di Caprera




DECRETO 9 GENNAIO 2019, N. 13

Si riporta il testo vigente dell'articolo 4 del citato decreto ministeriale
11 dicembre 1997, n. 507, come modificato dal presente decreto:
«Art. 4 (Libero ingresso e ingresso gratuito).

— 1. È autorizzato il libero ingresso agli istituti ed ai luoghi della cultura di cui all'articolo 1,comma 1, quando gli introiti derivanti dalla vendita dei titoli di legittimazione siano inferiori alle spese di riscossione, calcolate sulla base dei
costi diretti ed indiretti sostenuti dal Ministero nell'anno precedente.

2. Il competente Direttore del Polo museale regionale, e, con riferimento
ai musei dotati di autonomia speciale, il Direttore del museo
possono stabilire, d'intesa con il Direttore generale Musei, che agli
istituti e ai luoghi di cui al comma 1 di rispettiva competenza si acceda
liberamente in occasione di particolari avvenimenti o in attuazione di
specifiche direttive del Ministro. La prima domenica dei mesi da ottobre
a marzo, nonché nella settimana dedicata alla promozione dei
musei e dei luoghi della cultura compresa nei mesi da gennaio a marzo
e individuata ogni anno dal Ministro è in ogni caso libero l'accesso a
tutti gli istituti ed ai luoghi della cultura di cui all'articolo 1, comma 1,
ivi inclusi, in assenza di un percorso espositivo separato e di un biglietto
distinto, gli spazi in cui sono allestite mostre o esposizioni temporanee.

2 -bis . Il competente Direttore del Polo museale regionale e, con
riferimento ai musei e istituti dotati di autonomia speciale, il Direttore
stabiliscono, d'intesa con la Direzione generale alla quale l'istituto o
il luogo della cultura afferisce, ulteriori otto giornate di libero accesso
o, in alternativa, fasce orarie di libero accesso in una misura complessiva
corrispondente a otto giornate, tenendo conto delle esigenze degli
utenti e delle caratteristiche dell'ambito territoriale di riferimento. Il
relativo calendario è comunicato al pubblico nell'ambito delle iniziative
organizzate durante la settimana di cui al comma 2, dedicata alla
promozione dei luoghi della cultura, e comunque pubblicato sui siti internet
dell'istituto o luogo della cultura e del Polo museale regionale
interessati, nonché sul sito internet del Ministero.

3. È consentito l'ingresso gratuito agli istituti ed ai luoghi della
cultura di cui all'articolo 1, comma 1, ivi inclusi, in assenza di un percorso
espositivo separato e di un biglietto distinto, gli spazi in cui sono
allestite mostre o esposizioni temporanee:
a) alle guide turistiche dell'Unione europea nell'esercizio della
propria attività professionale, mediante esibizione di valida licenza rilasciata
dalla competente autorità;
b) agli interpreti turistici dell'Unione europea quando occorra
la loro opera a fianco della guida, mediante esibizione di valida licenza
rilasciata dalla competente autorità;
c) al personale del Ministero;
d) ai membri dell'I.C.O.M. (International Council of Museums);
e) ai visitatori che non abbiano compiuto il diciottesimo anno
di età. I visitatori che abbiano meno di dodici anni debbono essere
accompagnati;
f) a gruppi o comitive di studenti delle scuole pubbliche e private
dell'Unione europea, accompagnati dai loro insegnanti, previa prenotazione
e nel contingente stabilito dal direttore dell'istituto o del luogo
della cultura;
g) ai docenti ed agli studenti iscritti alle facoltà di architettura,
di conservazione dei beni culturali, di scienze della formazione e ai corsi
di laurea in lettere o materie letterarie con indirizzo archeologico o
storico-artistico delle facoltà di lettere e filosofia, o a facoltà e corsi corrispondenti
istituiti negli Stati membri dell'Unione europea. Il biglietto
gratuito è rilasciato agli studenti mediante esibizione del certificato di
iscrizione per l'anno accademico in corso;
h) ai docenti ed agli studenti iscritti alle accademie di belle arti
o a corrispondenti istituti dell'Unione europea. Il biglietto gratuito è
rilasciato agli studenti mediante esibizione del certificato di iscrizione
per l'anno accademico in corso;
h -bis ) al personale docente della scuola, di ruolo o con contratto
a termine, dietro esibizione di idonea attestazione rilasciata dalle istituzioni
scolastiche, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica,
sul modello predisposto dal Ministero dell'istruzione, dell'università e
della ricerca;
i) ai portatori di handicap e ad un loro familiare o ad altro accompagnatore
che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza
socio-sanitaria;
l) agli operatori delle associazioni di volontariato che svolgano,
in base a convenzioni in essere stipulate con il Ministero ai sensi dell'articolo
112, comma 8, del Codice, attività di promozione e diffusione
della conoscenza dei beni culturali.
4. Per ragioni di studio o di ricerca, attestate da istituzioni scolastiche
o universitarie, da accademie, da istituti di ricerca e di cultura
italiani o stranieri nonché da organi del Ministero, ovvero per particolari
e motivate esigenze, i direttori degli istituti o dei luoghi della cultura
possono consentire ai soggetti che ne facciano richiesta l'ingresso gratuito
per periodi determinati.
5. Per le ragioni e le esigenze di cui al comma 4, il Direttore generale
Musei può rilasciare a singoli soggetti tessere di durata annuale di
ingresso gratuito a tutti gli istituti ed i luoghi di cui al comma 1, nonché
individuare categorie di soggetti alle quali consentire, per determinati
periodi, l'ingresso gratuito ai medesimi luoghi.
5 -bis . In occasione di eventi o manifestazioni di particolare rilevanza
internazionale, sulla base degli indirizzi del Ministro, il Direttore
generale Musei, anche su proposta dei direttori degli istituti e luoghi
della cultura, può consentire a particolari categorie di visitatori l'ingresso
gratuito, per periodi determinati, comunque previa esibizione del titolo
di accreditamento all'evento o manifestazione.
6. Per i cittadini dell'Unione europea di età compresa tra i diciotto
ed i venticinque anni, l'importo del biglietto di ingresso è pari a due
euro .
7. Ai cittadini di Stati non facenti parte dell'Unione europea, si
applicano, a condizione di reciprocità, le disposizioni sulle riduzioni di
cui al comma 6.
7 -bis . Con cadenza biennale la Direzione generale Musei predispone
una relazione al Ministro concernente l'attuazione delle disposizioni
di cui ai commi 2 e 2 -bis sulla base di monitoraggi annuali.» .